L’uovo nello stagno: Uovo poché, brodetto di cime di rapa alla curcuma e soppressata calabra arrostita.

Sotto ad ogni piatto, un pensiero.

L’uovo è stato associato fin dagli albori del mondo ad una fonte di vita; l’enigma dell’uovo e della gallina, è sempre stato palcoscenico di grattacapi esistenziali: “è nato prima l’uovo o la gallina?”.
La ricetta parte proprio da questo alimento, un elemento naturale rintracciabile in tutte le culture culinarie, essenziale e ricercato come fonte primaria di proteine.
In questo piatto, l’uovo poché si ritrova in un brodetto vegetale alla curcuma e qui si esprime il gioco della vita e della morte dove il puro e casto uovo si abbandona al pungente sapore della soppressata; L’uovo apre così le porte del suo nucleo più intimo facendo amalgamare il suo dolce cuore che, come la bilancia di un giudice riallinea i sapori, decreta sentenza.
È chi proverà ad entrare in questo giardino, palcoscenico di guerra, che sentirà con tutto se stesso il vigoroso sapore del peccato di gola.

Ingredienti per 4 persone:

• 3 steli di cime di rapa
• ½ cipolla tagliata a julienne
• 3 cucchiai da caffè di curcuma in polvere
• Olio evo qb
• Sale qb
• Pepe qb
• Semi misti a vostra discrezione (per decorare)
• 32 cubetti di soppressata (8 pz a porzione)
• 500 ml d’acqua
• 1 limone
• Un cucchiaio da zuppa pieno d’aceto

Procedimento:

1. Spremere il limone e ricavarne il succo

2. Unire il succo di limone con l’acqua e portare ad ebollizione (questo procedimento serve per rendere più accesi i colori del piatto)

3. Tagliare e pulire le cime di rapa, separando le foglie dagli steli

4. Immergere gli steli, sbianchendoli per 3 minuti circa. Togliere dall’acqua gli steli e immergere le foglie sbianchendo anch’esse per un minuto circa

5. In una padella antiaderente, fare ammorbidire la cipolla con un filo d’olio (stufare la cipolla) e raggiunta la morbidezza desiderata aggiungere steli e foglie delle cime di rapa

6. Fare appassire le cime di rapa per un minuto in padella

7. Togliere dalla padella e far raffreddare il tutto per 5 minuti

8. Mettere nel mixer ed aggiungere ½ bicchiere (circa) d’acqua fredda, 3 cucchiai di curcuma in polvere, olio, sale e pepe quanto basta

9. Frullare fino all’ottenimento del brodetto e filtrare il tutto in una ciotola

10. Mentre si mette a bollire dell’acqua con aceto e sale in una pentola, scottare i cubetti di soppressata in un’altra padella fino a che non diventano dorati

11. Quando l’acqua è arrivata ad ebollizione, abbassare il fuoco, e iniziare a mescolare energeticamente con la frusta creando un vortice o mulinello; non appena si sarà formato bene, versare con delicatezza l’uovo

12. L’uovo si avvilupperà su stesso, il tuorlo rimarrà al centro. Se l’acqua dovesse accennare a fermarsi, mescolare delicatamente intorno all’uovo

13. Attendere che l’albume diventi bianco (all’incirca 2 min) e con l’aiuto di uno scolapasta sollevare delicatamente l’uovo in camicia e adagiarlo su un pezzo di carta per farlo asciugare

Per impiattare:
-Versare il brodetto, precedentemente scaldato, sul fondo del piatto
-Creare una base con 4 cubetti di soppressata, posizionarli al centro del piatto e adagiare sopra l’uovo poché
-Usare i restanti cubetti per guarnire il brodetto
-Spolverare l’uovo con i semi misti (a piacimento)
-Condire il brodetto con un giro di olio a crudo

Annunci